Archivi autore: sopri_pdve

La Cappella degli Scrovegni in Padova, storia, restauro, conservazione

Il 25 marzo 2020, in occasione della ricorrenza della consacrazione della cappella dell’Arena affrescata da Giotto, celebrata il 25 marzo 1305, l’Università di Padova pubblica il filmato promosso dalla Commissione scientifica interdisciplinare per la conservazione e gestione della Cappella degli Scrovegni istituita dal Comune di Padova.

Il filmato, intitolato La Cappella degli Scrovegni in Padova, storia, restauro, conservazione, è stato realizzato e prodotto dall’Università di Padova, a cura dell’ufficio digital learning e multimedia, con riprese eseguite lungo l’arco di due anni, e montaggio di documenti d’epoca. Frutto di una ricerca attenta presso numerosi archivi e biblioteche, ripercorre le vicende della storia conservativa del Monumento attraverso le principali campagne di restauro, documentate dall’Ottocento ai giorni nostri, e presenta per la prima volta rimontati anche spezzoni di filmati d’epoca dell’archivio storico dell’Istituto Luce.

Nato dalla stretta collaborazione tra Comune di Padova, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso e Università di Padova, il progetto scientifico, a cura di Monica Pregnolato e Giovanna Valenzano, illustra come nell’ambito della salvaguardia della cappella dell’Arena si sia passati dai diversi restauri d’emergenza al concetto di tutela programmata e preventiva, per preservare e trasmettere al futuro, anche con l’ausilio della ricerca scientifica e delle nuove tecnologie, questo straordinario monumento d’arte e di storia, che riveste un valore universale. 

Regia di Marco Toffanin
Voce italiana Vittorio Attene 
Voce inglese Daisy Tennant
Musiche Alessandro Savarese; AG Music; Elena Naumova; SnowMusicStudio
Color correction Francesco Marotta-Synchro Studio
Riprese Agostino Pinto; Omar Trevisan; Davide Boschetto
Fotografie Andrea Graziani; Corrado Villani
Riprese con il drone Marco Bonato; Dario Da Re; Graziano Ferro

La versione italiana è stata proiettata nella sala multimediale dei Musei Civici agli Eremitani il giorno 12 settembre 2019 in apertura dell’incontro della Commissione Scrovegni con l’esperto di ICOMOS, in città per la visita di valutazione della candidatura “La Cappella degli Scrovegni di Giotto e i cicli affrescati del Trecento a Padova” per l’iscrizione alla Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

La versione italiana e inglese del video sono raggiungibili, oltre che da questa pagina e dal sito dell’Università di Padova https://www.unipd.it/news/filmato-scrovegni, anche dal sito https://www.padovaurbspicta.org/ del Comune di Padova.

Sospensione dei termini dei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza,ai sensi dell’art. 103, comma 1 del D.L. 17 marzo 2020, n.18

Si riporta di seguito l’art. 103, comma 1 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18:

“Ai fini del computo dei termini ordinatori o perentori, propedeutici, endoprocedimentali, finali ed esecutivi, relativi allo svolgimento di procedimenti amministrativi su istanza di parte o d’ufficio, pendenti alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati successivamente a tale data, non si tiene conto del periodo compreso tra la medesima data e quella del 15 aprile 2020.
Le pubbliche amministrazioni adottano ogni misura organizzativa idonea ad assicurare comunque la ragionevole durata e la celere conclusione dei procedimenti, con priorità per quelli da considerare urgenti, anche sulla base di motivate istanze degli interessati.
Sono prorogati o differiti, per il tempo corrispondente, i termini di formazione della volontà conclusiva dell’amministrazione nelle forme del silenzio significativo previste dall’ordinamento”.

Per scaricare il D.L., clicca qui


 

Emergenza Coronavirus. Avviso importante del 9 marzo 2020

Viste le disposizioni del DPCM 8 marzo 2020, recante, fra le altre, Misure urgenti di contenimento del contagio …, si informa che il ricevimento del pubblico nelle sedi di Padova e Venezia è sospeso fino al 3 aprile p.v..

Particolari necessità in via d’urgenza per i soli enti pubblici, non risolvibili con strumenti di comunicazione alternativa, saranno prese in considerazione mettendo in atto le necessarie misure igienico-sanitarie. 

Sono rimandati altresì i sopralluoghi nell’intero territorio di competenza.

Il personale è raggiungibile tramite indirizzo email o telefonicamente per confronti tecnici informali.

Si invita a presentare le istanze in formato digitale tramite Posta Elettronica Ordinaria o Posta Elettronica Certificata e di evitare la consegna a mano.

Nel caso fosse necessario trasmettere documentazione cartacea, si prega di ricorrere alla spedizione postale.

Si assicura la massima tempestività nell’aggiornare le presenti disposizioni in base all’evolversi della situazione e in base alle disposizioni che dovessero pervenire dalle Autorità competenti.

“A nostra immagine”. Scultura in terracotta del Rinascimento da Donatello a Riccio. Dietro le quinte della mostra

Nelle prossime settimane sarà operativa una campagna di comunicazione sul tema della scultura in terracotta nel Rinascimento a Padova, ideata e promossa dallo staff del Museo Diocesano di Padova e dalla Soprintendenza, ente partner nel progetto di studio, indagine e restauro di alcune sculture in terracotta conservate nelle chiese della Diocesi patavina, secondo comuni istanze recepite da una convenzione che fissa i termini di collaborazione tra i due enti e l’Università degli Studi di Padova.

L’intento è quello di narrare attraverso un linguaggio semplice e immediato, con l’ausilio della fotografia e delle riprese video, il lavoro svolto intorno alla mostra attraverso i social network della Soprintendenza e del Museo Diocesano di Padova, con brevi testi inerenti a racconti, curiosità, aneddoti, protagonisti e ricordi.

Tutti i contenuti e gli aggiornamenti verranno quindi pubblicati sulla pagina Facebook della Soprintendenza


 

“Sapiens. Da cacciatore a cyborg”. Montebelluna, Museo di Storia Naturale e Archeologia, 16.02.2020-30.08.2020

 

Inaugurazione della mostra sabato 15 febbraio alle ore 16.30

Oltre 800 reperti archeologici per raccontare una storia di quasi 100.000 anni: dai cacciatori paleolitici ai Romani di fine Impero, con un’incursione nei possibili scenari di domani. Frammenti di antiche esistenze rivissute in un percorso multidisciplinare per capire meglio il tempo presente e immaginare il nostro futuro.

Una mostra per valorizzare il patrimonio archeologico del territorio. Un dialogo tra archeologia e contemporaneo per illustrare come un animale fagile, ma visionario, sia diventato sapiens, conquistandosi il futuro.

Le 9 sezioni propongono un affascinante viaggio nel tempo e nell’immaginario sapiens. L’esposizione di reperti inediti del Museo Civico di Montebelluna, integrati con prestiti da altri musei, racconta il percorso dell’umanità dalla Preistoria all’attuale Antropocene.

Gli oggetti, più che di singoli avvenimenti, spesso ci parlano delle persone e dei mondi per cui furono prodotti; ci mostrano di riflesso come sono cambiati nel tempo il pensiero e la vita dell’uomo.
L’accessibilità ai molti significati degli oggetti esposti sarà garantita dalle ricostruzione, materiali e virtuali, dei contesti di provenienza, oltre che da postazioni interattive e partecipative.

PER INFO: 0423/300465 info@museomontebelluna.it

Vigonza, 7 febbraio | Presentazione del volume “Vigonza. Dal sacello romano all’insediamento medievale. Archeologia ai margini della centuriazione di Padova nord-est”

Venerdì 7 febbraio 2020, ore 18.00
Vigonza, Teatro “Quirino De Giorgio”, Piazza E. Zanella 29

Interverranno

Fabrizio Magani
Soprintendente
Soprintendenza ABAP per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso

Matteo Frassine
Curatore del volume | Funzionario archeologo
Soprintendenza ABAP per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso

Inaccessibilità archivi documentali sede di Venezia a seguito della recente alta marea eccezionale

Si comunica che i recenti eventi legati ai fenomeni di Alta marea nella Laguna veneziana hanno determinato diversi inconvenienti e malfunzionamenti degli impianti elettrici, di riscaldamento e telefonici della sede veneziana. Mentre la rete dati e la gran parte delle linee telefoniche sono state correttamente ripristinate, e con esse l’invio e la trasmissione di posta elettronica, gli archivi documentali sono stati danneggiati e sono di fatto inaccessibili. Pertanto l’accesso agli atti che riguarda la documentazione dei lavori sui beni architettonici per tutto il territorio di competenza e in parte per l’archivio dei beni vincolati (comuni della provincia di Venezia) è al momento sospeso fino a data da destinarsi.

Decreto di Dichiarazione di notevole interesse pubblico dell’area alpina compresa tra il Comelico e la Val d’Ansiei. Comuni di Auronzo di Cadore, Danta di Cadore, Santo Stefano di Cadore, San Pietro di Cadore, San Nicolò di Comelico e Comelico Superiore (Bl), ai sensi degli articoli 136 comma 1 lettere c) e d), 138 comma 3 e 141 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 “Codice dei beni culturali e del paesaggio”

Documentazione:

DECRETO DG-ABAP|05/12/2019|1676 DECRETO DG-ABAP|05/12/2019|1676

ALLEGATO A Relazione e disciplina d'uso ALLEGATO A Relazione e disciplina d’uso

ALLEGATO B perimetrazione ALLEGATO B perimetrazione

ALLEGATO C Documentazione cartografica ALLEGATO C Documentazione cartografica

ALLEGATO D Documentazione fotografica ALLEGATO D Documentazione fotografica

ALLEGATO E Controdeduzioni ALLEGATO E Controdeduzioni