Campagna di raccolta fondi “Mi sta a cuore. La scultura in terracotta a Padova nel Rinascimento”

Testo tratto (con adattamenti) dal sito della Diocesi di Padova, al quale si rimanda per ulteriori informazioni ed approfondimenti

Terza edizione per il progetto MI STA A CUORE, nato nel 2013, che vede il Museo diocesano e l’Ufficio Beni culturali della Diocesi di Padova impegnati a sensibilizzare il restauro e la valorizzazione di beni artisti conservati nelle chiese della città e del territorio, rendendo partecipi e coinvolgendo attivamente nel sostegno agli interventi di recupero singoli e comunità.

“Mi sta a cuore” non è solo una campagna di raccolta fondi, ma un’esperienza che vuole avvicinare comunità e cittadini alla conoscenza dei tesori storici e artistici di cui si è comuni depositari.

Le opere oggetto di questa terza edizione di Mi sta a cuore sono: la Madonna con il Bambino (secondo quarto del XV secolo), attribuita a Nanni di Bartolo, custodita nella chiesa della Natività della Beata Vergine Maria di Pozzonovo in provincia di Padova; il Compianto sul Cristo morto (ultimo quarto del XV secolo) opera di un plasticatore padovano, collocata nella chiesa di San Pietro a Padova; la Madonna con il Bambino (ultimo quarto del XV secolo) di Giovanni de Fonduli, della chiesa di San Nicolò a Padova.

I progetti di restauro che accompagnano questa edizione di Mi sta a cuore, vedono la stretta collaborazione, siglata da un’apposita convenzione di collaborazione scientifica, tra Diocesi di Padova, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso e Università di Padova – Centro Interdipartimentale di Ricerca, Studio e Conservazione dei Beni Archeologici, Architettonici e Storico-Artistici – CIBA dell’Università degli Studi di Padova.

La convenzione prevede la possibilità di incrociare i diversi dati a disposizione delle tre realtà sulle opere oggetto di studio e restauro, raccogliendo e catalogando i dati pregressi e le risultanze di studi, indagini, interventi; l’acquisizione di nuovi dati grazie a indagini non invasive su micro-campioni e digitalizzazione delle opere scultoree di terracotta a cura del CIBA; lo sviluppo di una piattaforma software di realtà aumentata per consentire al pubblico una più ampia fruizione dei contenuti della mostra (in programma nel 2019) che farà seguito al restauro di queste opere e dedicata alla Scultura in terracotta a Padova nel Rinascimento. Da Donatello a Riccio; la realizzazione di un archivio digitale per la raccolta dati. Lo studio pilota riguarderà in particolare il Compianto sul Cristo morto conservato nella chiesa di San Pietro a Padova.

Chiunque voglia contribuire al restauro, “prendendosi a cuore” queste tre opere può utilizzare le seguenti modalità:

– Versamento con bonifico bancario intestato a Diocesi di Padova – via Dietro Duomo 15 – 35139 Padova IBAN: IT 42 L 06225 12150 07400338821L – Causale: Museo Diocesano – Mi sta a cuore

Donazione on line attraverso la piattaforma di crowdfunding: www.retedeldono.it/cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l'area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso, 2018 - Crediti - Note accessibilità - Note legali